Artist-In-Residence

Read this page in 
ENG

Scadenza Bando: 15 Marzo 2018 ore 12.00 (GMT +1). 

Paese: Italia

In-Between Shores è un'opportunità di Artist-in-Residence della durata di 23 giorni, aperta a fotografi di qualsiasi età e da tutto il globo, nata da una collaborazione tra Ardesia Projects, Jest e Witty Kiwi. 

Cinque artisti nazionali ed internazionali saranno selezionati ed invitati a creare un nuovo corpo di lavoro nel territorio del lago di Varese, sotto la guida di un editore e di un curatore. Gli artisti selezionati soggiorneranno a Cascina Ronco (Daverio, VA), una cascina nei boschi che circondano il comune di Daverio, dove saranno provvisti con i materiali necessari allo sviluppo dei progetti.

La residenza risulterà in una mostra a Jest (TO) e in una piccola pubblicazione editoriale

Dettagli Residenza

Le tre settimane di residenza saranno suddivise in due fasi; una fase di produzione ed una fase di finalizzazione. Durante la fase di produzione (23 Maggio - 11 Giugno) gli artisti saranno ospitati a Cascina Ronco, dove saranno provvisti con i materiali necessari a sviluppare i progetti. Cascina Ronco è una cascina immersa nel verde; la casa in legno a due piani offre due cucine, dieci letti, due bagni, un balcone e una foresta intera. 

Le due settimane a Cascina Ronco alterneranno giornate di Open Studio, che permetteranno ai partecipanti di lavorare liberamente nell'area della cascina, a giornate di escursione ai siti di interesse che costellano i dintorni del lago di Varese. I partecipanti saranno liberi di scegliere i siti di interesse.

Ulteriormente, i partecipanti saranno provvisti con un workshop alla settimana, della durata di un giorno, con un professionista del campo. Per maggiori informazioni su i professionisti che terranno i workshop, visita la fine della pagina! 

La fase di finalizzazione (11-14 Giugno) avrà luogo tra Milano e Torino, dove verranno stampate, incorniciate e montate le opere per l'esibizione. La residenza non copre vitto e alloggio in queste date, ma siamo disponibili ad aiutare i partecipanti a trovare delle soluzioni adeguate ai budget individuali.  

La residenza provvederà ai seguenti materiali; un treppiede; scanner negativi Plustek OpticFilm; scanner piano Epson; una libreria; lightbox; Wi-Fi; luci da studio; sfondi da studio; stampante A4; un esposimetro; materiale per ricamo; materiale limitato per la rilegatura dei libri; fogli; matite; due macchine; un furgone. La residenza coprirà i costi di sviluppo, stampa e cornici. 

La residenza non provvederà; rullini; macchine fotografiche; stampe fine-art di prova.

Come Partecipare

Il bando è aperto ad artisti internazionali senza vincolo di età. Siamo in cerca di pratiche fotografiche diversificate; sono benvenuti lavori eclettici e sperimentali. La residenza non ha un tema selezionato e gli artisti sono invitati a produrre un corpo di lavoro relativo ai loro interessi.  

Conoscenza base della lingua Inglese obbligatoria

Per partecipare al bando, compilare il modulo di richiesta ed inviarlo, assieme ai documenti richiesti nel modulo, alla e-mail inbetweenshores.air@gmail.com , inserendo come soggetto AIR_2018_Submission. Gli artisti selezionati verranno notificati entro il 18 Marzo, 2018.

Bando Open Call 
Application form

Coordinatori Workshop

Alessandro Calabrese ottiene una laurea in Architettura allo IUAV di Venezia. Nel 2012 ottiene a Milano un Master in Photography and Visual Design presso NABA (Nuova Accademia delle Belle Arti) e si trasferisce ad Amsterdam dove assiste il fotografo Hans Van Der Meer e lavora presso Paradox, maturando il proprio interesse per l’editoria fotografica. Dal 2015 è docente presso l’Accademia Carrara di Belle Arti di Bergamo. Nel 2013 è finalista alla prima edizione del Premio Francesco Fabbri e nel 2014 cura insieme a Milo Montelli il libro A Drop In The Ocean, vincitore del Premio Prina ed esposto in occasione del Festival Fotografia Europea di Reggio Emilia e presso la Triennale di Fotografia di Amburgo. Finalista al Prix Levallois 2015 (Parigi), pubblica insieme alla casa editrice Skinnerboox Die Deutsche Punkinvasion poi esposto durante il Festival Fotopub di Novo Mesto (Slovenia) e BredaPhoto (Olanda). Selezionato da Foam nel 2015 tra i 21 talenti emergenti della fotografia internazionale, è in mostra presso l’Atelier Neerlandais (Parigi), De Markten (Bruxelles) e Beaconsfield Gallery (Londra) con il progetto A Failed Entertainment.  Dal 2016 è rappresentato dalla galleria Viasaterna presso la quale nell'ottobre 2017 inaugura la sua prima personale dal titolo Impasse in occasione della quale mette in mostra il suo progetto più recente dal titolo The Long Thing.

Sara Palmieri è un'artista che usa la fotografia per interrogare gli aspetti non visibili della realtà, attraverso un processo fatto di ricordi ed intuizioni, inconscio e rivelazioni, frammenti e ricomposizioni. Nella sua ricerca tempo e spazio sono sia gli strumenti con cui lavora che l’oggetto indagato. Si laurea in Architettura presso La Sapienza di Roma nel 2005 e per anni lavora come scenografa ed interior designer. Dal 2015 al 2016 prende parte alla prima ISSP International Masterclass tenuta da Aaron Schuman. Nel 2016 il suo libro La plume plongea la tête vince il Premio Marco Bastianelli come miglior libro italiano autoprodotto, nello stesso anno viene selezionato per Self Publish Riga, Gazebook Photobook Festival, e nel 2015 per Encontros da Imagem PhotoFestival e The Book's Space al Fotografia Festival Internazionale di Roma. Ha esposto il suo lavoro a livello internazionale, più recentemente presso Fotohaus ParisBerlin Gallery ad Arles, Francia (2017), Focus Photography Festival a Mumbai, India (2017), Landskrona Fotofestival, Svezia (2016), Der Greif for Krakow Photomonth, Polonia (2016), Obscura Festival, Penang Malesia (2015). Alcune immagini tratte dal suo lavoro Scenario sono parte di A Place Both Wonderful and Strange, libro pubblicato da Fuego Books ad Ottobre 2017. A Maggio 2018 Matèria Gallery a Roma inaugurerà la sua prima personale italiana.